Ho perso il Filo - Marcovaldo

Dal 13 marzo 2020 è online la rubrica  HO PERSO IL FILO, Raccontare la sostenibilità.

Storie, poesie e filastrocche verso l’Agenda 2030. Letture a cura di ReMida Bologna Terre d’Acqua e Filippo Lanzi Voce narrante Filippo Lanzi.

Una nuova collaborazione con  radioseeeyou.com  e l’attore  Filippo Lanzi . Il primo ciclo di letture che potete ascoltare è tratta da “Marcovaldo, ovvero Le stagioni in città” di Italo Calvino. Le novelle raccontate appartengono alla prima edizione di Marcovaldo, di Italo Calvino pubblicata il 23 novembre 1963 da Einaudi nella collana “Libri per ragazzi” con 23 illustrazioni a colori di Sto (Sergio Tofano). Un libro che è un grande classico e come sostneva Calvino stesso “un classico è un libro che ancora prima di essere finito ti dice quello che deve dire”. “Composte nel corso di un decennio, queste novelle hanno seguito le trasformazioni dell’Italia del dopoguerra. Marcovaldo, sposato con Domitilla e padre di sei figlioli, è manovale, uomo di fatica, presso la ditta Sbav (che non si sa esattamente cosa produca, come non si sa quale sia la città dove si svolge l’azione). Nelle sue avventure di personaggio candido e chapliniano, la città, spazio del trionfo di un mondo artificiale, diventa il teatro della paradossale ricerca di frammenti di una naturalità perduta.


Se il suo occhio poco adatto alla vita urbana scivola senza prenderne nota su semafori, vetrine, manifesti, non c’è la foglia ingiallita su un ramo o buccia di fico spiaccicata sul marciapiede che egli non noti e non faccia “oggetto di ragionamento” sulla “miseria della sua esistenza”. Marcovaldo “vede quello che gli altri non vedono e non vede quello che gli altri vedono”, come ha notato Maria Corti.” Tratto da Bruno Falcetto, in Dizionario Bompiani delle Opere e dei Personaggi, Milano, Bompiani, 2005) George Perec, nel suo libro L’infraordinario ci invita a interrogare quello che ci sembra talmente evidente da averne dimenticato l’origine. Ciò che dobbiamo interrogare, sono i mattoni, il cemento, il vetro, le nostre maniere a tavola, i nostri utensili, i nostri strumenti, i nostri orari, i nostri ritmi. Interrogare ciò che sembra aver smesso per sempre di stupirci.


A ReMida Bologna_Terre d’Acqua ogni giorno celebriamo la bellezza, trovandola dove non siamo abituati a cercarla, perché crediamo che ogni cosa, la più semplice e la più comune, è una possibilità, un’occasione di ricerca per risvegliare lo sguardo, rompere con alcuni stereotipi e restituire dignità a ciò che normalmente non viene guardato, perché, come afferma Gilles Clement, “la vita avanza seguendo un caos poetico, che si offre a tutti coloro che sono disposti a non chiudere gli occhi”. Italo Calvino, in Lezioni Americane (1968) scrive “chi è ciascuno di noi se non una combinatoria di esperienze, di informazioni, di letture, di immaginazioni? Ogni vita è un’enciclopedia, una biblioteca, un inventario di oggetti, un campionario di stili, dove tutto può essere continuamente rimescolato e riordinato in tutti i modi possibili”. Ognuno di noi ha qualcosa di speciale da raccontare purtroppo spesso ce ne dimentichiamo e non ci soffermiamo a interrogare noi stessi ma cerchiamo nell’approvazione degli altri la nostra identità.



Un altro grande insegnamento di Calvino, sempre contenuto in Lezioni Americane, è l’ elogio alla leggerezza, “prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità ma planare sulle cose dal' alto, non avere macigni sul cuore”.


La collaborazione tra ReMida Bologna_Terre d’Acqua, radioseeyou e Filippo Lanzi, già attiva da alcuni anni, si è consolidata attraverso questo progetto, nato quando, costretti a restare a casa, abbiamo pensato a come poter restare comunque vicini.


Crediamo fortemente che le letture ad alta voce possano rafforzare le relazioni, anche a distanza. Abbiamo deciso di scegliere letture rivolte a bambini e ragazzi, tratte da libri che contengono una poesia tale che non ha età. La possibilità di immaginare, fantasticare dovrebbero essere un’abitudine che da adulti non dovremmo mai perdere. Abbiamo anche pensato di prediligere letture che potessero raccontare la sostenibilità, un tema a noi molto caro. Una sostenibilità ambientale, sociale ed etica. Le storie, le poesie e le filastrocche scelte sono un invito a riflettere sugli obiettivi dell’ Agenda 2030, lo strumento che 193 paesi dell' ONU hanno sottoscritto per fissare 17 obiettivi da raggiungere entro i prossimi 10 anni per uno sviluppo sostenibile. La fantasia è un posto dove ci piove dentro. Italo Calvino


Chi siamo?

ReMida Bologna_Terre d’Acqua. ReMida Bologna_Terre d’Acqua, Centro di Riuso Creativo dei Materiali di Scarto Aziendale, gestito e curato dall’Associazione Funamboli, con il contributo di Geovest e promosso dal Comune di Calderara di Reno. Da settembre 2017 l’Associazione Funamboli fa parte dei Circoli Arci. Il progetto ReMida nasce nel 1996 a Reggio Emilia da un' idea del Comune ed Iren, gestito dalla Fondazione Reggio Children - Centro Loris Malaguzzi , sviluppatasi su scala nazionale ed internazionale dando vita ad uno vero e proprio network.

ReMida Bologna_Terre d’Acqua, con sede in Via turati 13 a Calderara di Reno, raccoglie i materiali ricavati dalle rimanenze e dagli scarti della produzione industriale e artigianale, valorizzando così gli errori di produzione, i prodotti non perfetti, per reinventarne utilizzo e funzione: si fa dunque portavoce di un messaggio ottimistico e propositivo per vivere l’ecologia in maniera ri-creativa.

Filippo Lanzi. Filippo Lanzi è attore bolognese, formatosi tra Roma (Teatro Azione) e l’Emilia Romagna, presso Societas Raffaello Sanzio. Collabora con diverse realtà locali e parallelamente dedica il suo lavoro alla ricerca e studio su corpo ed emozioni. Recentemente, impiega l’uso della voce alla produzione di audiolibri.














Radioseeeyou.com si sta autofinanziando

se ti piace quello che facciamo aiutaci 

con un piccolo contributo mensile

oppure crea la tua donazione.


sostienici

89 visualizzazioni
 MIXCLOUD 

radioseeeyou.com una giovane webradio nata nel 2018

© 2018 by seeeyou.it | S.I.A.E. 201800000044 no-profit 

051/0218793

331 451 7247

info@radioseeeyou.com

redazione@radioseeeyou.com

Radioseeeyou.com si sta autofinanziando

se ti piace quello che facciamo aiutaci 

con un piccolo contributo mensile

oppure crea la tua donazione  qui

an hour whit dj Pery around the music around the world dj Meo arlecchino l' archivio almost black background music shop beat & bear beats belpaese bicio papao brota raza casalini che barba al mattino cine blog dischi volanti dj LELLI superfunkexperience domenica è mattina house break futuro 1978 gold selection horror Über alles ho perso il filo il grande rispolvero la bisana l'oroscopo di morena lorenzo le club olei alle 20 pusher barber shop PVC 180grammi quelli degli 80 reagge & rolla rush secanda fila seeeyoufat live seventy space five studio ca rossa supeeer vanilia & comics vietato ballare volume razionik massimiliano marrani soulcluster