• Horror Über Alles

#seeeyoucineblog IL SIGNOR DIAVOLO di Pupi Avati

Un maestro di casa nostra, Pupi Avati, che nel 2019 ritorna a girare un film horror dopo averlo fatto già quarant'anni prima (La casa dalle finestre che ridono). Buona lettura!


Disponibile ora su Sky Cinema


IL SIGNOR DIAVOLO di Pupi Avati (2019)

A cura di Horror Über Alles (Davide Sicarius D’Andrea e Caroline Darko)

A più di quarant'anni dal capolavoro La casa dalle finestre che ridono, l'ottantenne Pupi Avati, fieramente consapevole del filo tematico e stilistico che lega indissolubilmente tutta la sua filmografia, ritenta la carta dell'horror - dodici anni dopo il non completamente riuscito Il nascondiglio - con un'opera ispirata, inquietante e pregna di attualissimi sottotesti politici, tratta dal suo omonimo romanzo: Il signor Diavolo.

Italia, 1952. Il giovane e insicuro Furio Momentè, ispettore del Ministero di Grazia e Giustizia, viene inviato nella cattolicissima Venezia per far luce su un misterioso caso di omicidio: il piccolo Carlo ha soppresso un suo coetaneo - il deforme Emilio - convinto che si trattasse del Diavolo in persona. Le indagini condurranno lentamente ad una verità torbida e angosciosa.

Avati dimostra ancora una volta di essere, oltre che uno straordinario direttore d'attori, uno dei pochissimi registi italiani in grado di contestualizzare l'horror nella sonnecchiosa provincia del Belpaese (in questo caso quella veneta del '52), e lo fa con consueta credibilità e originalità. Centro assoluto delle sue ossessioni autoriali è ancora la Chiesa, specchio di una società - e uno Stato - superstiziosa e oscurantista che, dietro un'apparente facciata fatta di luce, innocenza e giustizia, cela orrori di ogni sorta e maligne mostruosità. Durante la visione è impossibile non pensare all'attualità, popolata da personalità (soprattutto politiche) che, nascondendosi dietro una fede di plastica, puntano ipocritamente il dito contro tutto ciò che è "diverso".

Avati scoperchia dunque gli orrori del presente attraverso quelli del passato e rivela al suo pubblico, con acuta intelligenza cinematografica, che il male non è mai un mostro, ma un signore ben distinto e insospettabile.


33 visualizzazioni
 MIXCLOUD 

radioseeeyou.com una giovane webradio nata nel 2018

© 2018 by seeeyou.it | S.I.A.E. 201800000044 no-profit 

051/0218793

331 451 7247

info@radioseeeyou.com

redazione@radioseeeyou.com

Radioseeeyou.com si sta autofinanziando

se ti piace quello che facciamo aiutaci 

con un piccolo contributo mensile

oppure crea la tua donazione  qui